top of page
  • Immagine del redattoreAgnese Caon

Come una meteora

In molti mi state chiedendo, ti stai allenando? che gara prepari? cosa hai fatto? Hai raggiunto la gloria ti sei accontentata e ora abbandoni tutto? No non ho raggiunto la gloria, piuttosto stava arrivando una grande occasione, ed io l’ho dovuta lasciare, il corpo fisico parla, e da qualche mese stava parlando in maniera profonda, lasciando uno spazio vuoto in termini di impegno ma pieno di comprensione, a mano a mano ho visto lasciare li la maglietta, le scarpe, lo zaino, tutti i preparativi del martedì e del giovedì, il nuoto del sabato per… dedicarmi tempo e attenzione, non è stata presunzione ma è cura. Come dice una mia collega il momento di picco dello sport è stata come una meteora, rapido, intenso, entusiasmante, bello, potente, con una scoperta che ha dell’incredibile ma non quasi indolore, sono certa che in qualche modo io possa ripartire, non so i tempi e non so le modalità anche se non mi sono mai completamente fermata. Quindi non è stata la gloria per una medaglia e un titolo italiano, ma l’aver cura e attenzione per me stessa. L’importante è trovare la giusta misura e il giusto compenso: allenamento-fatica-dolore-cura-ripresa.

Quindi la domanda non è tanto: che gara stai preparando, ma… come stai/come sta andando? Una domanda forse banale, ma che se ascoltiamo bene la risposta racchiude sempre un grande significato.




Post correlati

Mostra tutti

Sorridere

Quando fai ciò che ti piace, ti trovi a sorridere di te stessa, con te stessa. Ed è bello poter sorridere, apre il cuore, rincuora l’anima, permette l’ascolto e l’apertura verso il mondo esterno. Sorr

Sentimenti

Sentimenti, tutti li viviamo, tutti li sperimentiamo. Senti (senso) menti (mente). Chi non li prova? Quante volte mettiamo la mente davanti a ciò che proviamo e ci limitiamo nel provare quella sensazi

Comments


bottom of page