top of page
  • Immagine del redattoreAgnese Caon

spazio che racconta

Ho aperto uno spazio che racconta il vissuto con Acondroplasia, nell’ultimo tempo, ho lasciato spazio a ciò che semplicemente vive, se c’è una cosa che ho imparato e che mi ha fatto riflettere è che se io penso che sarò meno, sarò sempre meno perché si affaccia ciò che penso di me, ma in qualsiasi forma io sia, quello che sono è solo ciò che sono. Ci ho lottato molto con questo, e ogni volta che riemerge mi interroga, quello che rimane è non stancarsi mai di scoprire come la vita abbia da esprimersi. Per quante cose tu racconti, quello che importa è ciò che tu vivi e se tu ti stanchi di rinascere saranno lì pronti a sovrastarti. Tu sei tu, non sei altro da quello che sei, tu sei la spinta che ti muove dentro e vederti così come sei ti fa rinascere.


Post correlati

Mostra tutti

Abbraccio

L’abbraccio, tu cosa senti quando abbracci? Quale parte del corpo entri in contatto? Io posso entrare in contatto con il petto, con il seno, con l’addome o con il ventre, dipende (sempre) dall’altezza

Sorridere

Quando fai ciò che ti piace, ti trovi a sorridere di te stessa, con te stessa. Ed è bello poter sorridere, apre il cuore, rincuora l’anima, permette l’ascolto e l’apertura verso il mondo esterno. Sorr

Sentimenti

Sentimenti, tutti li viviamo, tutti li sperimentiamo. Senti (senso) menti (mente). Chi non li prova? Quante volte mettiamo la mente davanti a ciò che proviamo e ci limitiamo nel provare quella sensazi

Comentários


bottom of page