top of page
  • Immagine del redattoreAgnese Caon

Accettare o accogliere?

Se non c’è gioia, piacere o leggerezza in quello che fai, non significa necessariamente che tu debba cambiare attività. Potrebbe bastare il modo in cui la fai, il “come” è sempre più importante di “cosa”. Devi accettare completamente quel che c’è, perché non puoi prestare la tua totale attenzione a qualcosa e allo stesso tempo opporgli resistenza. La reale Accettazione invece è intrisa di conoscenza, vicinanza, resa e visione della perfezione. Serve grande Volontà (resistenza nello “stare dentro”) per avvicinarsi alla pura Accettazione, non è un potere di tutti. Bisogna aver già creato uno spazio di scelta.

Accettare non vuol dire restare a braccia conserte e pretendere che niente cambi. Significa iniziare la giornata amando e comprendendo la bellezza che c’è dentro e mostrarla al mondo.



Post correlati

Mostra tutti

Abbraccio

L’abbraccio, tu cosa senti quando abbracci? Quale parte del corpo entri in contatto? Io posso entrare in contatto con il petto, con il seno, con l’addome o con il ventre, dipende (sempre) dall’altezza

Sorridere

Quando fai ciò che ti piace, ti trovi a sorridere di te stessa, con te stessa. Ed è bello poter sorridere, apre il cuore, rincuora l’anima, permette l’ascolto e l’apertura verso il mondo esterno. Sorr

Sentimenti

Sentimenti, tutti li viviamo, tutti li sperimentiamo. Senti (senso) menti (mente). Chi non li prova? Quante volte mettiamo la mente davanti a ciò che proviamo e ci limitiamo nel provare quella sensazi

Comentarios


bottom of page