top of page
  • Immagine del redattoreAgnese Caon

La prima stanza


Ci sono stanze inesplorate, sconosciute a molti, stanze in cui stare bene e stanze in cui è ancora scomodo entrare, ne affronterò una alla volta come si affrontano le sfide, senza presunzione solo con il desiderio di raccontare.

E questo lunedì ha il sapore di un inizio (settimana) ho deciso di iniziare cosi, con un Grazie, una considerazione, l’on line è diventata la mia stanza. Qui da una sfida lanciata, ho potuto iniziare ad esprimermi per come sono, per quello che sono, non troppo attaccata, laddove incontro un sacco di persone e per questo, ringraziare chi ha saputo leggere nella trama della mia vita, prima di tanti altri e dopo tanti, in un cassetto nascosto che c’era anche questo. Per me è stata pura scoperta e meraviglia piena, come gli occhi dei bambini davanti alla sorpresa più gradita. On line mi ha permesso di aprire nuovi orizzonti, grandi scenari che erano lì appena dopo la curva che avevo, preso il sentiero il panorama si apre.




Post correlati

Mostra tutti

Abbraccio

L’abbraccio, tu cosa senti quando abbracci? Quale parte del corpo entri in contatto? Io posso entrare in contatto con il petto, con il seno, con l’addome o con il ventre, dipende (sempre) dall’altezza

Sorridere

Quando fai ciò che ti piace, ti trovi a sorridere di te stessa, con te stessa. Ed è bello poter sorridere, apre il cuore, rincuora l’anima, permette l’ascolto e l’apertura verso il mondo esterno. Sorr

Sentimenti

Sentimenti, tutti li viviamo, tutti li sperimentiamo. Senti (senso) menti (mente). Chi non li prova? Quante volte mettiamo la mente davanti a ciò che proviamo e ci limitiamo nel provare quella sensazi

Comentários


bottom of page