Guardarsi dentro...tornare a vivere

Tanto ingarbugliata la vita non è… se ritorni dentro di te, non c’è il vuoto li dentro, ma ci sei tu.

non c’è da combattere contro nessuno c’è da vivere ciò che senti per te e ciò che è tuo, niente che non sia già dentro di te.

Parto da qui... Ma se fosse successo qualche tempo fa come avresti reagito?

Questa la domanda che più mi sento rivolgere in questo ultimo periodo, date le numerose variazioni che ci sono state, dato il grande cambiamento che ho avuto e rispondo che: sarei scappata, non avrei reagito, a nessun tipo di parola, domanda, frase, non avrei reagito se non scappando.

E ora perchè reagisci? Cosa è successo?

E’ successo qualcosa di grande, qualcosa che per me ha significato molto, ho iniziato a guardarmi dentro e non più a farmi guardare e sono arrivata ad oggi che per me è un giorno da ricordare, un giorno che ha dato il via a qualcosa di straordinario, ho potuto riconquistare la mia persona e scoprire davvero chi sono e cosa posso fare. Si perchè sono 365 giorni senza farmaci per ansia e attacchi di panico. Sicuramente arriva il momento no, il momento ansia, il momento in cui mi dico e adesso? Ma allo stesso tempo, sento che dentro di me c’è la possibilità di reagire e di essere me stessa, di esprimermi per quella che sono anche andando contro a tanti dettami che ci sono stati e che ci saranno ma la mia espressione più piena non potrà essere invasa.

In tutto questo cambiamento, ho cambiato colore di capelli, taglio, stile, per poi tornare al mio taglio, al mio sentire me stessa, e ci sono tornata solo quando avevo sistemato il mio interno, solo quando ho trovato il mio punto di attracco, il mio accesso libero al mio vivere libero.

"E tu, uscito da quel vento, non sarai lo stesso che vi è entrato (Murakami)"

#tecnichefreel #cambiamento #365giornisenza #vita #sguardo #dentrodite #vivere #libertà


1 visualizzazione0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Giornata internazionale consapevolezza sul nanismo? Serve una giornata? Non credo bastino 24 ore per consapevolizzare una condizione fisica come quella dell’acondroplasia. Quello che è utile è rendere