#sport...corpo in movimento

Un guerriero non rinuncia mai a quello che ama, trova l’amore in quello che fa.

(film la forza del campione)

IL NUOTO...trampolino di lancio

Fin da piccola imparo che il nuoto fa bene, si fa bene perchè in assenza di gravità tutto può muoversi senza fare male e senza recare danno, fa bene alla muscolatura, fa bene alle ossa, fa bene al fisico nella sua interezza, e quindi fin dai 7 anni vado in piscina, 1-2 volte a settimana, accompagnata dai miei genitori non siamo mai mancati a nessun appuntamento, si parte dall’acqua bassa, con giochi, bolle, scivoli e quanto può aiutarmi a prendere contatto con questo ambiente, si comincia a muovere le prime bracciate e gambate in questo “territorio” raggiunta una certa autonomia, con grande desiderio di tutti gli altri compagni di piscina, ci si trasferisce in acqua alta, per me restava un desiderio ma non sicuramente qualcosa da colmare cosi presto, tanto che andiamo a tuffarci in questa vasca un po’ più alta, bene presa dal panico tavoletta in mano mi presento davanti all’istruttore lascio la tavoletta in mano a lui e me ne vado in fondo alla fila senza tuffarmi, quando ritocca al mio turno sarà l’istruttore a non mollare la presa e a tirarmi in acqua da quel momento non ho (quasi) più mollato la vasca perchè mi faceva stare bene, quindi sono un po’ di anni che nuoto e ho confidenza con l’ambiente acquatico, la piscina è sempre stata una costante nella mia vita,  non è mai mancata, da piccola fino ad ora, cercando di incastrare appuntamenti, orari e corsi non manca mai almeno una volta a settimana, aiuta anche a rasserenare lo spirito e a rilassare il corpo.

discoù.jpg
peso_edited.jpg

Atletica

#getto del peso #lancio del disco

Credo fosse il mese di settembre del 2017 mi sono ripresa da poco dall’intervento alle gambe ho recuperato il più possibile, cammino, vado in piscina, lavoro, svolgo tutte le attività abbastanza autonomamente, quella mattina sono dal fisioterapista per concludere l’iter post operatorio con una battuta mi dice che dovrei provare a fare atletica perché avevo perso il tono muscolare quindi bisognava cercare di recuperare, passano i mesi avevo accantonato il pensiero e in cuor mio speravo se ne fosse dimenticato, non poteva bastare la piscina? E invece è gennaio che mi presente la mia attuale allenatrice, ci accordiamo sui tempi, gli spazi, gli orari e inizio questa nuova avventura. Molto titubante all’inizio ma poi mi piace, mi piace e mi fa stare bene, mi apre un mondo molto vasto e ampio, un mondo bello e che non conoscevo. Inizio a fare movimenti, esercizi che nemmeno durante le ore di educazione fisica ho mai fatto, perché non ho mai fatto educazione fisica!!! Capisco di avere un corpo, dei muscoli che non avevo mai scoperto. Impastiamo riscaldamenti, andature, esercizi propriocettivi, coordinazione, lanci con la palla medica, esercizi sulla sabbia, io che pensavo che la sabbia servisse solo per saltare. Tutto inizia a muoversi e a prendere una forma diversa, mi cimento nei lanci come specialità, cerco una società che mi possa sostenere per le gare, e iniziamo a gareggiare fin da subito, da li si apre una conoscenza sempre più grande di persone, di atleti a vari livelli, inizio a viaggiare tra Padova e Roma, perché abbiamo fatto alcuni raduni a Roma per aumentare le prestazioni fisiche, imparare e mettere in piedi nuove tecniche di lancio e sicuramente stare a contatto anche con altre persone, imparare a stare al mondo lontano dalla mia famiglia che mi ha sempre sostenuta, accompagnata, aiutata e accolta. 

Con il passare del tempo nascono nuove amicizie, nuovi legami, cresce una maggiore consapevolezza di ciò che è la vita stessa, che è vita prima di tutto ed è vita con tante sfaccettature che aiutano a crescere, migliorarsi sia fisicamente che personalmente, si matura a mano a mano che si cresce di esperienze, conoscenze e consapevolezza che la persona è persona prima di tutto con dei valori e con una dignità che cresce. 

Si cresce in consapevolezza e cresce con te anche il corpo, anche se l’altezza non cambia e non sono i cm a fare la differenza, il corpo cresce in muscolatura, forza e resistenza e questo non è poco anzi è qualcosa che va a far si che tu ti senta più sicuro di te stesso/a,  che tu ti senta più a tuo agio perchè stai bene, un corpo in movimento è un corpo che sta bene. 

Sotto gli aspetti tecnici dell’atletica posso dire che quel campo dalla pista rossa o blu che si a seconda della zona in cui ci si va ad allenare ti fa stare tra terra (rosso) e cielo (blu), ti fa appunto assaporare di essere parte di un mondo che può essere anche un po’ tuo, poi non nego che stimo tutti quelli che come me hanno acondroplasia ma non si tirano indietro dal fare sport sia esso calcio, nuoto, basket, baseball, rugby, tutto ciò che si configura come sport di squadra, o sport in generale fa bene al cuore alla mente.

Grazie ai miei amici, un breve servizio TV dei campionati italiani di  del 24-25 gennaio 2020