Volersi bene

Se riesci a volerti bene riesci a voler bene anche agli altri, perchè nel momento in cui ti accetti e ti accogli riesci ad accogliere l’altro che è vicino a te, volersi bene significa anche e prima di tutto accettare pregi, qualità, limiti e difetti, tutto è da prendere e fare proprio perchè appartiene a ognuno di noi, in maniera diversa ma se non viene valorizzato per ogni suo essere non riusciamo a vivere tranquilli, questo è appunto accogliere la prima e primaria parte di noi e quindi riuscire a vivere e convivere con noi stessi. Riporto un passaggio di Buddha:

Per me ci sono stati e ci sono tuttora dei passaggi fondamentali per imparare a volersi bene: osservati e impara a conoscerti, riconosci i tuoi lati positivi

pensa a tutti i traguardi raggiunti, ricorda ogni singola cosa che puoi fare

Per volersi bene dobbiamo imparare a riconoscere ciò di cui abbiamo bisogno e dove vogliamo andare, abbiamo tutti un luogo dove andare, un posto dove poter stare e una vita da vivere, noi possiamo e quasi dobbiamo essere il meglio di noi stessi.

Ogni giorno dobbiamo decidere di apprezzare ogni momento.

Gli altri non possono darci ciò che per primi non vogliamo accogliere, il nostro stesso essere al mondo, la nostra stessa vita così come ci è donata, gli altri non sono nessuno per noi, per dirci di continuare a vivere o scegliere al posto nostro. Gli altri sono qui per volerci bene nel momento in cui noi stessi riusciamo a rivolgerci il nostro bene, non possiamo nemmeno dipendere dall’appagamento dell’altro o dalle azioni degli altri. Noi non dipendiamo dalle azioni di nessuno né tantomeno dalle decisioni di qualche altro sia esso nostra madre, nostro padre, il/la nostro/a fidanzato/a, il nostro titolare, noi possiamo decidere, abbiamo una mente pensante e un cuore in grado di fare scelte anche molto coraggiose che decidono per la nostra stessa vita e la nostra stessa esistenza.

Amarsi e rispettarsi è l’unica vera via per andare incontro agli altri.



5 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Giornata internazionale consapevolezza sul nanismo? Serve una giornata? Non credo bastino 24 ore per consapevolizzare una condizione fisica come quella dell’acondroplasia. Quello che è utile è rendere