top of page
  • Immagine del redattoreAgnese Caon

Linguaggio disabilità

Si dice che i pensieri creano parole e le parole creano azioni. Noi però dobbiamo lavorare al contrario, sul linguaggio per cambiare il pensiero, perché abbiamo un’idea sbagliata di disabilità. Se cambiamo pensieri e parole, cambiano anche le esperienze che viviamo. Non ha importanza la nostra provenienza, non conta quanto sia stata difficile la nostra infanzia, quello che conta è che possiamo realizzare dei cambiamenti positivi. Si tratta di un concetto potente e, allo stesso tempo ci libera. Il bello è che, se penso che sia così per me, diventerà vero anche per gli altri. Non esitare a fare domande sulla disabilità, non sono le domande che spaventano ma gli occhi che sondano in cerca di risposte automatiche che non esistono, esiste solo l’esperienza della persona nella sua globalità e non prendendo un pezzo di se e un pezzo di ma ma tutto ciò che la costituisce, esiste appunto la disabilità che quella persona vive con il proprio corpo “obbligato” e stretto in quella “limitazione” ma prima di tutto c’è la persona, il resto è una “caratteristica”. Ognuno a modo suo crea il mondo.



Post correlati

Mostra tutti

Sorridere

Quando fai ciò che ti piace, ti trovi a sorridere di te stessa, con te stessa. Ed è bello poter sorridere, apre il cuore, rincuora l’anima, permette l’ascolto e l’apertura verso il mondo esterno. Sorr

Sentimenti

Sentimenti, tutti li viviamo, tutti li sperimentiamo. Senti (senso) menti (mente). Chi non li prova? Quante volte mettiamo la mente davanti a ciò che proviamo e ci limitiamo nel provare quella sensazi

Commentaires


bottom of page